#roadto10km … settimana 4

#roadto10km … settimana 4

Archiviata la quarta settimana di allenamenti, la cosa inizia a farsi seria 😅.

Prima uscita di 25′ senza lode nè infamia, secondo allenamento soddisfacente perché i soliti dolorini non si sono presentati e infine la terza uscita, sofferta parecchio; 30′ iniziali corsi troppo forte, 3′ di recupero camminando velocemente [un toccasana per riprendere fiato] e poi altri 20′ di corsa dove testa e gambe non ne volevano sapere. Comunque settimana portata a termine con soddisfazione…e per non farmi mancare nulla il weekend l’ho passato pedalando, sabato prima uscita in mtb [in solitaria] e domenica uscita in compagnia con la bici da corsa.

Ecco i tre allenamenti

Annunci

#roadto10km … settimana 2

#roadto10km … settimana 2

Seconda settimana di allenamenti portata a termine. Mi fa sorridere questa cosa, sembra che mi stia preparando per chissà quale impresa e invece voglio solo correre una 10km a metà giugno 😅.

Causa impegni vari ho dovuto correre a giorni ravvicinati (giovedì e venerdì) e l’allemanto di venerdì non è stato semplice, i dolirini erano tanti, polpacci e caviglie all’inizo, ginocchia verso la fine. Il fiato sento che piano piano sta aumentando e migliorando, il peso invece non mi aiuta per niente.

Visto i fastidi fisici però ora ho un dubbio per questa terza settimana di allenamenti:

Opzione A -> preseguire con la tabella di marcia incrementando quindi tempi e km;

Opzione B -> ripetere i 3 allenamenti della scorsa settimana.

A o B ? … ho ancora qualche ora per riflettere!

Test Conconi

Test Conconi

153 battiti al minuto, questa è la mia soglia anaerobica…se i miei calcoli sono giusti! 😅

La soglia anaerobica è la stima della capacità di sostenere un esercito prolungato.

Alcuni giorni fa mi sono imbattuto in questo articolo in cui si parla del test Conconi, ne conoscevo l’esistenza ma non avevo mai approfondito l’argomento … dopo un’attenta lettura ho pensato di eseguire il test e fortunatamente ho trovato il modo di farlo con l’aiuto del Garmin (Test Conconi: cos’è e come farlo con l’aiuto del vostro Garmin).

L’ho fatto per due ragioni, 1. curiosità di vedere il risultato e capire quale è la mia soglia anaerobica e 2. ripetere il test dopo alcune settimane di allenamento per valutare i progressi (eventuali progressi).

ecco il grafico che ho ricavato dopo avere riportato i dati registrati dal mio garmin 🔝

Iniziamo a pedalare

Iniziamo a pedalare

Quest’anno la mia stagione ciclistica è iniziata tardi, ho atteso fino a pochi giorni fa l’arrivo della nuova bicicletta. Alla prima occasione utile però ne ho approfittato per farmi una bella uscita. Giovedì 2 giugno, festa della Repubblica, ho accettato l’invito del mio fratellone  [è più giovane di me ma è più alto, quindi fratellone] a fare una pedalata sulle colline piacentine.

Base di partenza casa sua.

Ore 8:30 partenza.

Siamo partiti senza avere ancora ben chiaro quale giro fare ma dopo pochi km abbiamo deciso di salire alle “antenne di Pigazzano”. Per me è un percorso nuovo, avevo sentito più volte nominare quel posto ma non avevo idea di dove fosse ne di come fosse la salita. Il primo tratto di strada, da San Nicolò a Croara, sono circa 20 km pianeggianti con una sola breve salita alla fine, in prossimità di uno svincolo; noi svoltiamo a destra e iniziamo a salire. La strada ha una buona pendenza, per me già impegnativa considerato che non pedalo da almeno 6 mesi, però le gambe sono calde e, una volta trovato il ritmo della pedalata, saliamo senza troppo affanno. La salita continua ininterrottamente per 10 km con pendenza pressoché costante.

Dopo 1 ora e 20 minuti di pedalate arriviamo alle famose “antenne di Pigazzano” è una zona, nella parte più alta di questa collina sopra al centro abitato di Pigazzano, dove sono state installate diverse antenne dei vari operatori telefonici. Facciamo una breve sosta giusto per scartare qualche foto, il panorama è bellissimo nonostante la giornata non sia delle migliori,

IMG_0405poi ci rimettiamo subito in sella.IMG_0374Scendiamo dal versante opposto, la strada scende rapidamente peccato che l’asfalto sia pessimo e per la nostra sicurezza decidiamo di scendere ad una velocità non troppo elevata [il contachilometri ha registrato i 52 km/h]. Al termine della discesa ripercorriamo parte della strada fatta all’andata e poco dopo arriviamo al punto di partenza.

IMG_0371

Sono soddisfatto di questa prima uscita in collina, le gambe hanno girato bene anche in salita e il fiato non mi è mai mancato, gli allenamenti di corsa fatti nei mesi precedenti in preparazione alla Mezza maratona hanno portato beneficio al mio fisico e poi sono contento della nuova bici e mi sento gratificato dell’investimento che ho fatto…l’attesa ne è valsa la pena.

La mia XXI Placentia Half Marathon for Unicef

La mia XXI Placentia Half Marathon for Unicef

Domenica ho partecipato alla XXI Placentia Half Marathon; come avevo anticipato qui Piacenza è la mia città natale e la mia prima mezza maratona l’ho proprio corsa lì 2 anni fa.

Mi sono allenato parecchio negli ultimi 3 mesi e mezzo e con una certa regolarità, sono arrivato però alla vigilia della gara consapevole che non avevo la forma giusta per battere il mio personale.

Questa è stata anche la prima half marathon corsa con la maglia del G.P. Codogno 82; del gruppo eravamo in 25 al via con alcuni di noi alla loro prima mezza maratona e addirittura alla loro prima esperienza competitiva!

D08F9FFD-D1CE-4345-9361-32DA51AD7B99
Un parte del G.P. Codogno 82 prima del via!

Il via della gara è stato dato alle 9:30 precise  sotto allo storico Palazzo Farnese, 1.800 i partecipanti che si sono riversati nelle vie del centro città. Ho percorso i primi km al fianco di Massimiliano e Gianmario, il passo era buono, leggermente più veloce di quello che avevo pensato di tenere. Dopo il primo passaggio nel centro della città, tra il pubblico festante e i bambini delle scuole ad incitarci siamo arrivati sul tratto che considero più monotono e lungo psicologicamente da affrontare che è l’argine del grande fiume Po.

00Arrivati a metà del percorso il passo era ancora buono però abbiamo perso Massimiliano, ha preferito rallentare;  al 13esimo km iniziavo ad avere qualche piccolo sentore di cedimento, eravamo dietro ai pacer dell’ora e 45 minuti che proprio in quel momento hanno leggermente aumentato il ritmo della corsa, Gianmario li ha seguiti io invece ho preferito tenere il mio passo e così ho retto fino al km 18, da lì in poi i passi sono diventati pesanti, ho stretto i denti e rallentato il ritmo e ho chiuso la mia gara in 1:46:29, giusto in minuto in più rispetto al mio PB [tempo migliore].

 

Tirando le somme sono soddisfatto della mia gara perché, anche se non ho migliorato il tempo sui 21.097 metri, ho comunque ottenuto un risultato migliore delle aspettative e mi sono divertito tanto; ho corso e mi sono goduto la corsa, ho gestito bene il momento difficile sul finale e non ho avuto nessun problema fisico e nessun dolore come nelle gare precedenti…vuoi vedere che allenandosi con un minimo di criterio e costanza alla fine si vieni ripagati?!

Ora viene il bello, scegliere il prossimo obiettivoDiploma

ecco i dati della mia gara

Mappa

Statistiche.JPG

Tempi KM.JPG

12 x 1/2 ora

12 x 1/2 ora

1 squadra, 12 runners, 30 minuti, 400 metri

Sono gli ingredienti della “12 per 1/2 ora“, una gara particolare a cui ho partecipato alcuni giorni fa!

FullSizeRender
eccomi sotto al gazebo del GP Codogno ’82

Al via erano presenti 27 squadre per un totale di 324 corridori, 12 per squadra; ogni runner aveva il compito di correre 30 minuti prima di dare il cambio ad un compagno di squadra -noi del Gruppo Podistico Codogno ’82 abbiamo schierato 2 formazioni, squadra A e squadra B.

 

La manifestazione ha avuto il via alle ore 13 presso il Parco della Pace di Borghetto Lodigiano, io ho corso la seconda frazione e in quei 30 minuti ho cercato da fare del mio meglio.

 

df900507-ed9a-4271-af38-5082cdba22c1
la partenza dei miei 30 minuti

L’intera gara è durata la bellezza di 6 ore, io sono riuscito a percorrere 15 volte i 400 metri del tracciato e alla fine della giornata i giri totali della nostra squadra sono stati 179!

La classifica finale ci ha visti premiati con la medaglia di legno, quarti assoluti, ai piedi del podio. È stato un buon risultato, a mio parere, valorizzato ancor di più dal fatto che l’altra squadra del nostro gruppo podistico ha percorso totalmente 175 giri -4 in meno di noi- chiudendo al quinto posto.

È stato un bel pomeriggio, ricco di sport, ed è stata l’occasione per conoscere nuovi compagni del gruppo podistico. Tanto divertimento per una gara diversa e divertente!!!

 

G.P. CODOGNO ’82

G.P. CODOGNO ’82

G.P. Codogno ’82 è il gruppo podistico alla quale mi sono iscritto quest’anno. Si tratta di un’altra novità del mio 2016 sportivo di cui ho parlato in precedenza qui e qui!

A differenza dello scorso anno ho voluto scegliere una società con la quale tesserarmi per avere anche la possibilità di condividere con altri la passione della corsa e avere compagni di avventure sia durante alcune uscite di allenamento sia durante le gare più o meno competitive. La scelta è ricaduta sul gruppo podistico del paese in cui vivo per motivi di comodità, vicinanza a casa e per l’abbinamento dei colori sociali che appaga i miei gusti (bianco-verde-nero)!

Per ora ho avuto modo di conoscere solo una piccolissima parte dei compagni di squadra e con il tempo avrò sicuramente modi di incontrarne altri; la prima impressione è stata di un bel gruppo, simpatico e solare, composto da runners di ogni tipo, dall’amatore senza troppe pretese al più sofisticato, impegnato a ricercare sempre il suo PB [personal best]; dal giovane al runner anziano che correndo ha percorso un’infinità di chilometri nella vita.

Probabilmente alla Giulietta & Romeo Half Marathon, che correrò tra due settimane a Verona, avrò modo di incontrare alcuni di loro (dico probabilmente perché il gruppo non ha organizzato la gita a Verona); più probabilmente invece verrà organizzata la partecipazione alla mezza di Vigevano in programma nel mese di marzo e per me potrebbe essere la prima occasione per partecipare ad una gara non più in solitaria come invece ho fatto finora. #yeah!